Terremoto


La terra scuote
Ira funesta
Sabbia che entra
Dalla finestra
Sprofonda il paese
Un triste fato
Riavvolgere il tempo‎
Un dono mai dato‎
Fra le macerie
Non senti fiato
Civili e vigili
Abbondano in campo
Polvere brividi
Lo specchio è infranto
Feriti e vittime
Sono già tanti
Mentre i politici
In guanti bianchi
Gettando mazzette
In cassaforte
Han programmato
Ogni singola morte‎
Premeditando
Suddivisioni
Appalti falsi per
Costruzioni
Mentre la gente
Non ha più niente
Comizi immediati
Affari dorati
Su quelle bare
Una campana
Pronta a suonare
La matriciana

terremoto calabria1907

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...