Semplicità di linguaggio e massa


Il post di un amico mi ha fatto ragionare su una situazione che tutti noi che scriviviamo sul web sicuramente avremo notato. La spinta sempre più forte ad utilizzare un linguaggio semplice, forse anche troppo semplice.

La semplicità del linguaggio dovrebbe essere un modo per raggiungere tutti, qualsiasi tipologia di utente, dal più colto al meno colto ed è una strategia di successo tipicamente utilizzata dal web.

E’ la chiave per la minimizzazione dei contenuti a vantaggio della loro diffusione.

Nonostante il principio generale da cui si origina tale tecnica di scrittura, sia valido e incontrovertibile, io personalmente trovo che applicarlo a tutti i campi della comunicazione sia uno svilimento. Personalmente sono convinta che, soprattutto nel campo della scrittura  creativa, sia una vera e propria svendita dell’arte comunicativa scritta a vantaggio di una diffusione di massa dei contenuti non sempre sostenibile.

La cosa più triste e che in un modo o nell’altro, inevitabilmente purtroppo, tutti ne vieniamo condizionati. Io stessa mi rendo conto che a furia di utilizzare le correzioni di word , in alcuni casi ho incominciato ad utilizzare i termini che solitamente il correttore automatico mi consigliaa sostituzione di quelli che il correttore stesso chiama ” forme abusate e obsolete“. Mi piange il cuore, perchè lo reputo uno svilimento della forma a vantaggio della sostanza, che, secondo me, funziona al contrario,ossia riduce oltre alla forma anche i contenuti.

Il bello della lingua italiana è la varietà di linguaggio, che ci permette di determinare le sfumature che vogliamo trasmettere. Lo stravolgimento del linguaggio su imitazione degli idiomi anglo-americani, la cui grammatica e la cui forma sono praticamente inesistenti, invece, ci sta facendo propendere per forme standardizzate, vocaboli semplici ma generici, al cui interno ognuno è libero di leggere quello che vuole. Allora mi chiedo se io artista volessi trasmettere un contenuto ben preciso, cos’è più violento, che io lo faccia utilizzando termini abusati e logori o che, nell’utilizzo di parole semplici, lasci poi la violenza nelle mani della libera interpretazione del mio testo, che a questo punto potrebbe essere violato e stravolto rispetto a quanto avrei voluto trasmettere?

Annunci

2 pensieri su “Semplicità di linguaggio e massa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...