Nella misandria che male c’è? — Massimo Lizzi


Una visione interessante cui rispondo nei commenti:

«La rabbia della donna nei confronti dell’uomo è spesso causata dal fatto che molti uomini in effetti dichiarino che le donne possono fare ciò che vogliono, ma continuano a perpetrare modus operani o modus vivendi di natura patriarcale. L’uomo che dice che le donne non solo possono, ma devono lavorare perchè hanno voluto la parità quindi non esiste che debbano vivere “a scrocco” stando a casa a far niente mentre l’uomo lavora, generano rabbia in qualsiasi donna. Rientrare da lavoro e non avere collaborazione da un uomo che dichiara che casa, igiene domestica, cibo, figli, far la spesa o altro sono cose da donna altrimenti uno che si sposa a fare, se permetti non è misandria, è un diritto. Anzi ti dirò di più arrabbiarsi contro certi uomini, e per simili affermazioni non solo è un diritto, ma è un DOVERE!»

Buona lettura!

Secondo la caricatura maschilista, il femminismo odia gli uomini. Si tratta, il più delle volte, di una caricatura delegittimante, vittimistica ed egocentrica; un modo di ribaltare la frittata. Le femministe di norma negano l’odio e qualcuna persino esagera nel mostrarsi gioiosa, entusiasta ed amorevole nei confronti degli uomini. Nella mia esperienza, le donne femministe, anche […]

via Nella misandria che male c’è? — Massimo Lizzi

Annunci

Un pensiero su “Nella misandria che male c’è? — Massimo Lizzi

  1. La donna rispetto all’uomo possiede la velocità e l’agilità di un gatto. L’uomo è un bradipo. Anche se l’uomo ha il potere. E se l’uomo ha il potere è per rivalsa sulla donna.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...