L’ urlo del cuore


Triste torpore mi annebbia la mente
Mentre il rancore mi acceca il presente
rimbomba l’urlo del cuore straziato
negando il sonno ristoratore
Siedo fissando lo sguardo nel vuoto
Con gli occhi fermi sulla bottiglia
Penso che adesso non voglio pensare
Vorrei soltanto dimenticare
Cancellare gli errori fatti
Non praticare i passi sbagliati
Mentre le lacrime rigano il volto
Inutile dire che ho il fiato corto
Se questa vita la calzo stretta
Stretti ho anche i passi per camminare
Ancora cerco la strada corretta
Ma non ho fretta potrei inciampare
Sono pesanti le mie ossessioni
Insegnamenti come tenzoni
Che si combattono dentro di me
Fra ciò che giusto e sbagliato è.
I tempi cambiano: ipocrisia?
La gente cambia: lascia che sia!
Io non pretendo né voglio niente
Ma sono stanca di questo presente
Vorrei scappare, andare lontano
Fuggire altrove col cuore in mano.
Tornare a scrivere su un libro bianco
Ma è troppo tardi ho il cuore stanco.

Annunci

Un pensiero su “L’ urlo del cuore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...