Giorni senza te


Era un canto antico
quello che ascoltavo
nei tuoi occhi.
Era un luce unica,
preziosa ed abbagliante
quella
che leggevo nel tuo cuore.
Avevi il gusto mai provato
di un cibo nutriente
e buono e sano e giusto.
Sfiorando la tua anima
profumata d’eterno,
mi sono persa.
Ho perso il senso ed il sentiero,
dopo aver volato nel tuo cielo.
Eri il mio sole.
Io solo una copia
grottesca
di Icaro.
E ho perso i giorni
a curarmi le ferite
per aver strappato il sogno
di aver trovato
la mia metà perfetta.
Ancora
ho sulla pelle i segni,
e dentro al cuore un vuoto!
Corro,
senza fermarmi,
per non sentirlo.
Provo
a riempirlo
di vetri e sassi
e di ogni altra cosa
che mi riempia
la vita ed i pensieri,
ma il buco nero cresce,
mi spegne e mi trafigge.
Solo la musica
mi aiuta a non sentire
quel dolore,
perché tu sei musica,
la musica
che mi accompagna
in ogni stanza del mio cuore.
E mentre le tue note
mi accarezzano
io scrivo,
per non scordare
ogni brivido che adesso
sento.
Scrivo
fotografando istanti
di follia.
Strappando
sentimenti
che di nascosto
aprono squarci nel cuore.
Li tiro fuori
e li coloro
di parole.
Son note
travestite
da canzoni.
Sono spartiti
fatti a pezzi
da passi maldestri.
E ancora scrivo,
ho ricoperto
la mia pelle di tatuaggi
per non vedere più
le cicatrici.
E non c’è giorno
che non mi strappi un verso,
d’anima e sangue,
nel vano tentativo
di scordarti.
Ma non so farlo.
Non so fermare il tempo
e nemmeno il dolore,
che la tua assenza mi procura.
Vorrei chiudere
gli occhi e spegnermi,
spegnendo i giorni
senza te.
Ma tu sei musica
e vibri dentro l’anima.
Batti nel cuore e scorri
nelle vene
fin che avrò vita
sarai
dentro di me.

 

Annunci

2 pensieri su “Giorni senza te

  1. L’amore rimane amore, specie quando sulla strada viene a contatto con ogni sorta di corpi, facce e cose. Poi ci sono le ore che come pugili lavorano ai fianchi della vita e in moltissimi casi dell’amore. L’amore dona molto ma è anche un forte fragile incassatore. L’amore è forte e fragile come una catena dai molti anelli, in una di essi, cederà e, poi, con fatica si auto salderà: il cammino dell’amore è cocciuto e testardo.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...